Madre Teresa di Calcutta
Busti Maschere

GIPSOTECA del Laboratorio di scultura di Front

Tel. 011 9251369  - cell. 347 5753967 - cell. 347 0936764

Acquista  on line E-mail
Statue Anatomia Richiedi un preventivo Statue in bronzo
Bassorilievi Sculture religiose  Dove siamo Statue in resina (per esterno)
Architettura Sculture in marmo ecc. Mappa del sito Home page
Busti Pag. 1 / 2 / 3 / 4 / 5 /

 

LB 144 Madre Teresa di Calcutta

Dimensioni: h. cm 82 peso (entro i 25 kg.)

Ordina ora

Richiedi altre informazioni

 

Busti Maschere

GIPSOTECA del Laboratorio di scultura di Front

Tel. 011 9251369  - cell. 347 5753967 - cell. 347 0936764

Acquista  on line E-mail
Statue Anatomia Richiedi un preventivo Statue in bronzo
Bassorilievi Sculture religiose  Dove siamo Statue in resina (per esterno)
Architettura Sculture in marmo ecc. Mappa del sito Home page
 

 

Qual è l’immagine di Madre Teresa, secondo quanto è scaturito dal processo canonico?

 «Una donna, una religiosa, per la quale la gioia ispirata dalla fede era l’atteggiamento essenziale della vita cristiana e di ogni aspetto che la caratterizza, dalla partecipazione ai sacramenti all’impegno diretto nella realtà sociale, dall’esperienza della sofferenza fino al dramma della povertà. In questo lavoro come postulatore ci sono state due cose che maggiormente mi hanno toccato: da un lato, lo scoprire quanto ella, pur essendo un personaggio pubblico, sempre alla ribalta, riuscisse comunque a conservare uno spazio rigoroso per la preghiera e per il proprio cammino spirituale; dall’altro, il rendermi conto di come abbia vissuto una fede realmente eroica, avendo sperimentato quella che i mistici chiamano la "notte oscura" per quasi tutta la sua vita successiva a quell’illuminazione originaria dalla quale scaturì la nostra Congregazione».

 Ma in che cosa è consistita, realmente, questa ispirazione interiore che ella ha sempre raccontato di aver avuto improvvisamente sul treno che da Calcutta la portava alla casa di esercizi spirituali di Darjeeling? 

 «La sconvolgente scoperta che abbiamo fatto leggendo le lettere da lei inviate all’allora arcivescovo di Calcutta, il gesuita Ferdinand Périer, tramite il proprio direttore spirituale padre Celeste Van Exem – e che fortunatamente quest’ultimo non distrusse, come invece costantemente gli chiedeva Madre Teresa –, è stata che ella sentì concretamente nel proprio cuore la voce di Cristo che la sollecitava, dolcemente ma con fermezza, a dar vita a una Congregazione di suore indiane, che si dedicasse con amore gratuito e di tutto cuore al servizio dei più poveri dei poveri. E nel costante confronto con l’autorità ecclesiastica, alla fine si arrese e si abbandonò totalmente alla volontà di Gesù».

 E ora, a cinque anni dalla morte e in vista della beatificazione, come si può sintetizzare l’eredità che ha lasciato dietro di sé Madre Teresa? 

 «La sua vita è stata un luminoso esempio e una grande fonte di ispirazione nell’ambito della carità in favore dei poveri, non soltanto sotto l’aspetto materiale, ma anche sotto quello spirituale. Se viene nominata Madre Teresa è quasi automatico per chiunque fare riferimento al suo impegno in ogni circostanza nella quale il mondo attraversava una difficoltà concreta, tanto che in una sit-com latinoamericana c’è un personaggio che costantemente si difende dicendo: "E chi sono io, Madre Teresa?". Lei non fu una teologa, o una pensatrice sistematica, ma da tutti i discorsi che fece scaturiscono una raffinata spiritualità e una profonda capacità di giudizio sulla società odierna, tuttora in grado di interpellare e di rendere inquiete le nostre coscienze».